Vai a…

Rimedi Semplici

RSS Feed

Artiglio del diavolo


L’artiglio del diavolo è una pianta originaria del Sud Africa dove è tradizionalmente utilizzata per curare  reumatismi, artriti, infiammazioni e disturbi allo stomaco. Attualmente, preparazioni a base di radice di artiglio del diavolo sono utilizzate per le loro proprietà anti-infiammatorie, antiossidanti ed antidolorifiche. Recenti studi di laboratorio paiono confermare tali proprietà grazie ad una serie di test eseguiti sugli animali. Altri studi eseguiti sull’uomo confermano, invece i benefici che tale pianta porterebbe ai pazienti con artrosi dell’anca o del ginocchio, e con malattie reumatiche. Sono tuttavia necessarie ulteriori ricerche per capire con esattezza i limiti e le potenzialità di questa erba.

Le proprietà e  gli utilizzi dell’artiglio del diavolo

Utilizzi dell’artiglio del diavolo:

Per il suo effetto anoressante (per sopprimere l’appetito)
Studi eseguiti sugli animali suggeriscono che l’artiglio del diavolo può sopprimere l’appetito. Mancano tuttavia test sull’essere umano che confermino tale proprietà.

Per il trattamento di disturbi gastrointestinali
Mancano però dati scientifici a supporto di questo utilizzo.

Per ridurre l’infiammazione
Test scientifici sugli animali dimostrano che l’artiglio del diavolo è efficace nel trattamento delle infiammazioni.

Per alleviare il dolore
Test scientifici hanno dimostrato che l’artiglio del diavolo può essere utilizzato per il trattamento di alcuni tipi di mal di schiena.

Per trattare l’artrosi
Test scientifici hanno dimostro la validità del artiglio del diavolo nel trattamento dell’artrosi dell’anca e del ginocchio.

In genere l’utilizzo del artiglio del diavolo come integratore alimentare è sicuro. In rari casi, l’utilizzo del artiglio del diavolo può aumentare il rischio di pancreatite acuta (secondo i risultati di uno studio controllato). Si sono anche verificate situazioni di ulcere e casi di sanguinamento gastrointestinale.

Altre storie daErbe e piante medicinali